Tematiche e Attività

Menu Principale

Osservazioni sull'efficienza TPL 2019 PDF Stampa E-mail

 

treno

Sono in linea le Osservazioni del Gruppo Mobilità WWF Napoli al 30 settembre 2019

 

GRUPPO MOBILITA’ SOSTENIBILE

 

 

Nome dell’iniziativa: “OSSERVAZIONI sull’efficienza del trasporto pubblico”.  

Dove:                   Napoli città e provincia – regione Campania. 

Quando:              Dal 1° Gennaio 2012. 

Scopo:     Monitorare l’efficienza del trasporto pubblico a Napoli ed in regione Campania per stimolare i soggetti preposti a compiere urgenti azioni di miglioramento.

 

 

 

Il WWF Napoli per l’efficienza del trasporto pubblico in Campania

 

VIII° anno.

 

 

 

 

Osservazioni aggiornate al 30 settembre 2019 sulla base principalmente di notizie raccolte nel corso di eventi o riportate su stampa locale e media.

 

Nel mese di settembre si registra una sorta di gara tra Eav ed Anm ad annunciare l’arrivo di nuovi treni per ampliare le flotte ed elevare finalmente gli standard del servizio di trasporto ferroviario locale. Ma, mentre i 19 treni della linea 1 della Metro sarebbero effettivamente in dirittura d’arrivo (più o meno il primo entro 6 mesi), i 40 nuovi treni Circum sono stati appena aggiudicati a seguito di gara ed occorreranno almeno 2 anni per vederne il primo.

Tant’è, i sacrifici che gli utenti del TPL campano e cittadino stanno sopportando da più di un decennio, starebbero per finire anche se non a brevissimo.

Come al solito, però, ad una notizia buona se ne affianca una cattiva in quanto si apprende del rischio di blocco dei lavori restanti per completare la linea 1 della metropolitana cittadina, a causa del ritardo nell’erogazione delle risorse ormai ammontanti a 200mila euro circa.

 

 

Il Mattino mercoledì 25 settembre 2019: Circum, ordinati 40 nuovi treni. De Gregorio: il servizio migliora.

Gara aggiudicata ieri (ribasso del 18%) alla Hitachi Rail, impegnati fondi per 314 milioni, ma occorre molto tempo per il loro arrivo. Presto potrebbero essere pronti 3 nuovi treni ; per 6 nuovi treni destinati alla tratta Piscinola-Aversa sarà effettuata la gara entro ottobre grazie a fondi per 40 milioni; Stesso finanziamento per altri 5 nuovi treni acquistati per la linea Napoli-Piedimonte Matese. Ulteriori 3 treni (oltre ai 12 già presi) per le linee flegree sono già in produzione con un investimento di altri 15 milioni. Infine, alla nuova dotazione Eav, si aggiungono 24 treni “Jazz” già in servizio per Trenitalia.

 

Il Mattino mercoledì 25 e sabato 28 settembre 2019: “Metro, niente fondi e rischio blocco totale”; Il Comune ha debiti arretrati per altri 88 milioni.

il presidente di Metropolitana spa Ennio Cascetta: da un anno finanziamenti bloccati per circa 200 milioni, se Ministero dei Trasporti, Regione Campania e Comune di Napoli non saldano i lavori si fermano. E vero, ci sono ritardi, ma sono legati al caos sottoservizi: quando scaviamo non sappiamo cosa c’è sotto le strade. La piacentina Paola De Micheli, nuovo ministro dei trasporti dal 5 settembre scorso riconosce il ritardo del suo ministero nella erogazione di 94 milioni per completare la tratta Dante-Garibaldi-Centro Direzionale (dal costo complessivo di 1.757 milioni di euro) e promette di fare il possibile per accelerare il versamento. Per la parte che va da Centro Direzionale a Capodichino (costo totale 652 milioni) i finanziamenti sono così suddivisi: 300 milioni dallo Stato attraverso il fondo per le politiche di coesione FSC, 113 milioni da parte del Ministero Trasporti e 180 milioni a carico del Comune di Napoli che ha acceso un mutuo. Per quest’ultima tratta i lavori contabilizzati ammontano a circa 200 milioni, quelli effettivamente pagati sono pari a 112 milioni. Tirando le somme 94 milioni deve versarli il Mit, 88 il Comune di Napoli, il totale fa 182 milioni poco meno dei 200 lamentati da Cascetta. Non è dato conoscere i tempi dei versamenti effettivi.

 

Il Mattino sabato 28 settembre 2019: “Anm: Torneranno i tram entro Natale” annuncio a sorpresa, ma è polemica.

Nel corso del Workshop di Anea “Soluzioni innovative per una mobilità sostenibile” Anm ha annunciato che dopo tre anni di fermo entro Natale tornerà attiva la linea tranviaria San Giovanni a Teduccio-piazza Municipio con 22 nuovi Sirio e 18 vecchi tram Ctk. La dura replica del presidente della commissione trasporti Simeone: “Linea incompleta, apertura difficile”.

 

Il Mattino lunedì 30 settembre 2019: Napoli, arrivano 19 nuovi treni della linea 1: “Frequenza maggiore e più comfort”.

Il primo treno sarà consegnato dalla ditta costruttrice CAF di Bilbao all'inizio dell'anno prossimo, e verrà subito messo sui binari per il collaudo e il rodaggio, per entrare al più presto in servizio. In tutto saranno 19, per una spesa complessiva di circa 190 milioni di euro.
Le nuove vetture saranno dotate di impianto di condizionamento e sistemi per la riduzione del rumore, e trasporteranno contemporaneamente fino a quattro carrozzelle per diversamente abili e circa 1.200 persone, di cui 130 sedute. I 19 treni sono in avanzata fase di costruzione e quindi dopo la consegna del primo treno Napoli riceverà un treno al mese in media.

Contatti:

mail ufficiale: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

mail per volontari: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

pagina Facebook: https://www.facebook.com/WWFNapoli

pagina Twitter: https://twitter.com/WwfNapoli

sito Wwf  Napoli per il trasporto pubblico: www.mobilitanapoli.it