Tematiche e Attività

Menu Principale

le risposte dell’Amministrazione alla LETTERA APERTA del WWF del 12 novembre 2013 PDF Stampa E-mail

lettera aperta

Titolo: le risposte dell’Amministrazione alla LETTERA APERTA del WWF del 12 novembre 2013,

inviata al Dr. Luigi De Magistris, Sindaco di Napoli

e

p.c. Ing. Renzo Brunetti Presidente, AtN

Dr. Alberto Ramaglia Amministratore Delegato, AtN

Nel corso dell’incontro, avvenuto in data 3.12.2013 con i seguenti partecipanti:

Comune di Napoli: Anna Donati, Giovanni Formisano, Renzo Brunetti, Alberto Ramaglia, Carlo Pino.

WWF-GMS: Ornella Capezzuto, Marina De Angelis, Pino Zecca, Mario Giancotti, Franco Marino, Ciro

D’Ambra, Enzo Iommazzo,

si è delineato un quadro con luci ed ombre sul TPL a Napoli.

Ecco gli aspetti più significativi:

Attualmente sono in circolazione 360 mezzi (bus, filobus, tram); a fine gennaio si prevede di disporre

di una flotta di circa 600 mezzi, consentendo di metterne in strada circa 400.

I problemi più rilevanti che permangono sono:;

• vetustà dei mezzi (flotta con 13 anni medi di età);

• tempi lunghi per ricevere i ricambi;

• carenza di autisti.

Per disporre di nuovi mezzi, bisogna aspettare circa 2,5 anni, da quando si avvia la procedura.

Gli obiettivi dell’azienda per il 2014 sono principalmente:

a) Piano di rinnovo della flotta;

b) Adeguare il numero di autisti.

Per quanto riguarda la metro, bisogna considerare che i treni della Metro linea 1 hanno un’età

media di 30 anni. Nel 2013, disponendo di 24 vetture (corrispondenti a 12 treni; ogni treno può

portare max 800 passeggeri) si è potuto assicurare un servizio con frequenza di 10-12 minuti.

L’obiettivo per il 2014, essendosi risolto il problema dei ricambi, è di disporre, entro marzo-aprile,

di un numero complessivo di 44 vetture (pari a 22 treni), avendo così in circolazione 18 treni e 4 di

riserva; disponendo di tale parco mezzi, la frequenza dei passaggi potrà essere di 8’- 7’ ed il servizio

risulterà più affidabile.

Soltanto fra tre anni, con la disponibilità di 100 milioni di € da parte della Comunità Europea, si

potrà procedere all’acquisto di nuovi treni con capienza 1200 persone e la totale copertura dei 110

m delle banchine).

Si sta lavorando alla riorganizzazione dell’orario di lavoro, per consentire turnazioni ordinarie, in

modo da permettere anche un’estensione del servizio serale nel fine settimana.

A breve sarà ripristinata la visualizzazione in banchina del tempo d’attesa del treno.

In questi giorni si dovrebbe avere la definitiva approvazione del Cipe per l’apertura del cantiere per

la stazione della metro al Centro Direzionale.

Lo scopo finale del WWF è fermare e far regredire il degrado

dell’ambiente naturale del nostro pianeta e contribuire a costruire

un futuro in cui l’umanità possa vivere in armonia con la natura.

 

Entro la fine di marzo del 2014 si avrà l’allungamento della linea tramviaria da P.zza Municipio a

P.zza Vittoria con un tratto di 160 metri a semplice binario sovrastante il cantiere della Metro di

P.zza Municipio. Si recupereranno così 8 bus per il servizio in aree periferiche non raggiunte dalla

Metro, con un costo interamente a carico del Comune.

Verrà attuata un’intensa lotta all’evasione, che ora è del 30% su mezzi ANM e del 7% su Metro.

Nel periodo natalizio si sperimenterà un servizio di navetta tranviaria tra il parcheggio Brin e Piazza

Municipio.

Mentre si apprezza l’impegno dell’Amministrazione per l’accorpamento delle aziende di trasporto

e per l’apertura della stazione della linea 1 della Metro, nonché per l’impegno delle aziende per

le varie iniziative volte al miglioramento del servizio, continuiamo a riscontrare che il TPL a Napoli

permane carente e inaffidabile, oltre che inadeguato alle reali esigenze dei cittadini in un’ottica di

mobilità sostenibile.

Peraltro il WWF osserva che la città è tutt’ora sprovvista di strumenti di pianificazione della

mobilità, quali PGTU (Piano Generale del Traffico Urbano) e PUM (Piano Urbano della Mobilità),

come puntualmente rilevato e reclamato dall’ Osservatorio WWF per l’efficienza del Trasporto

Pubblico, nonché pubblicato sul sito www.mobilitanapoli.it .

Ribadiamo infine il nostro dissenso riguardo ai nuovi dispositivi di limitazione del traffico a

Piazza Dante e in via Duomo, da noi ritenuti troppo permissivi. Nello specifico, contestiamo la

liberalizzazione dei motorini, altamente inquinanti e rumorosi, e gli orari della ZTL. Le chiediamo di

non cedere a interessi di parte.

 

Osservatorio WWF per l’efficienza del Trasporto Pubblico