Tematiche e Attività

Menu Principale

Città senz'auto - Pedonalizzazione Porta Capuana PDF Stampa E-mail

Nome dell’iniziativa: Città senz’auto - 100 Città a misura di bambino
Dove: Porta Capuana, Napoli
Quando: 10 maggio 1998
Scopo: Dare la possibilità ai bambini di ridisegnare la città secondo le proprie esigenze

Città senz’auto 1998 è un’iniziativa promossa a livello nazionale dal WWF, dall’ UISP (Unione Italiana Sport per tutti) e dall’ Associazione Medici per l’Ambiente, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. In coincidenza con il blocco del traffico cittadino, il WWF promuove eventi in piazza per fare sport, giocare e divertirsi, ma anche per chiedere a chi decide di cambiare faccia alla città.

Una particolare attenzione è rivolta ai bambini che per un giorno hanno la possibilità di ridisegnare la città secondo le loro esigenze e i loro desideri. A emblema della riconquista della città, a Napoli alcuni bambini, coordinati da giovani del WWF, trascorrono l’intera mattinata a ridipingere un autobus dell’ANM. Il risultato è un mezzo pubblico dai colori vivacissimi e dai disegni più strani, una sorta di pubblicità-progresso sull’uso del mezzo pubblico.

In più, Napoli, sede principale dell’evento nazionale che coinvolge cento città in tutta Italia, festeggia Città Senz’auto con un provvedimento comunale molto importante: la pedonalizzazione di Porta Capuana. Infatti, con questo provvedimento - che dà un rilancio culturale, economico e produttivo a un intero quartiere- la città di Napoli raggiunge il 2% delle aree stradali demotorizzate, pari a 205.000 metri quadrati. In occasione della grande festa, il WWF lancia un’ulteriore sfida all’Amministrazione chiedendo il raggiungimento del 5% di territorio pedonalizzato in città.
In occasione di Città senz’auto il WWF distribuisce biglietti omaggio per una visita guidata alla Riserva Naturale degli Astroni.

I pedoni e la mobilità in Italia

Dalla conferenza Nazionale dei Trasporti organizzata da Legambiente e WWF con il contributo dei Gruppi Parlamentari dei Verdi- 29 e 30 gennaio 1998- Roma

Circa 7.000 persone all’anno muoiono in incidente autostradali di cui oltre il 10% sono pedoni. Le cifre da bollettino di guerra non arrivano dunque solo per le cosiddette stragi del sabato sera ma anche dai centri urbani dove l’eccessiva velocità e il mancato rispetto del codice della strada procurano un alto tasso di mortalità. Per questo motivo, WWF e Legambiente propongono la riduzione a 30 Km/orari la velocità massima nei centri abitati. In più ribadiscono alcuni dei principali “diritti dei pedoni” che in altri paesi europei già vengono rispettati: percorsi pedonali privi di ostacoli e protetti dalle auto, semafori con segnalatori acustici, dissuasori di velocità sul manto stradale.
Nei centri urbani, tra il 1982 e il 1994, la mobilità su autovettura è cresciuta di 2,3 volte; gli spostamenti in auto che nel 1982 ammontavano al 26% della mobilità totale nel 1998 sono pari al 36%. Negli ultimi 30 anni il tasso di motorizzazione è praticamente decuplicato passando da 4,4 ad oltre 50 autovetture ogni 100 abitanti.
Perde terreno il trasporto pubblico urbano: le reti tramviarie sono passate da 643 a 365 chilometri in 30 anni, dal 1966 a 1994, mentre le metropolitane pur salendo da 25 a 104 KM restano cenerentole rispetto agli altri paesi europei.

 


GALLERIA FOTOGRAFICA

Festa per i pedoni a Porta Capuana


STUDI, DOSSIER E SONDAGGI

Visualizza il PDF
Posizione WWF e Legambiente sui trasporti nell’ambito della Prima Conferenza Nazionale dei Trasporti

Visualizza il PDF
I numeri della mobilità in Italia


COMUNICATI E RASSEGNA

Comunicato stampa
8 maggio 1998
Città Senz’auto: il WWF premia il Comune di Napoli. Raggiunto con Porta Capuana il 2% di città pedonalizzata pari a 205.000 mq


CONSIGLI AL CITTADINO - MATERIALE PROMOZIONALE

Visualizza il PDF
Bambini in piazza per "Città senz’Auto"

Visualizza il PDF
Locandina "Città senz’Auto"